Convento degli Agostiniani

Fondato intorno al XV secolo e inizialmente intitolato a San Rocco

Scheda di dettaglio

Successivamente, nel 1580, il monastero fu dedicato a Sant'Antonio Abate e nel 1663 fu ristrutturato. Fu soppresso nel 1809 a causa delle leggi volute da Gioacchino Murat e nel 1863, acquistato da privati, convertito a civile abitazione, destinazione tuttora in uso.

La chiesa, risalente alla metà del XVII  secolo, fu in parte ricostruita nel 1950 a seguito del crollo del tetto della facciata e di due cappelle laterali. La facciata è rivestita in pietra leccese e termina con un timpano triangolare.

Gli unici elementi decorativi sono nei fregi del finestrone e del portale, il cui timpano è sormontato da una statua lapidea di Sant'Agostino. L'interno, con pianta a navata unica, è scandito da cappelle laterali ospitanti altari barocchi. L'altare maggiore fu edificato nel 1663 da Placido Buffelli ed è decorato con le statue di Sant'Agostino, Santa Lucia, Sant'Egidio e San Vito.


Contatti e recapiti

Documenti e link

Opzioni di stampa: Stampa

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO